logo
 

Al CoRFiLaC nasce il Brain Lab

brainlab_corfilac

Al CoRFiLaC nasce il Brain Lab

Al CoRFiLaC nasce il Brain Lab

Nascerà al CoRFiLaC di Ragusa il primo BrainLab di Neuromarketing della Sicilia per studiare le emozioni dei consumatori attraverso le neuroscienze al fine di poter definire una strategia di marketing e comunicazione più efficace dei prodotti agroalimentari tradizionali come lo sono i formaggi storici. L’inaugurazione del BrainLab, che avrà luogo il 14 maggio prossimo, sarà uno degli eventi più attesi del ricco programma di iniziative che si susseguiranno dal 13 al 15 maggio in occasione di “Aspettando CheeseArt”.

Sinergia delle conoscenze tra IULM e CoRFiLaC

Il BrainLab nasce dalla collaborazione tra il CoRFiLaC e il BrainLab Neuromarketing Research Center dell’Università IULM di Milano. Grazie a queste sinergie si potrà lavorare a ricerche comuni e a progetti di collaborazione unici nel loro genere in quanto vi sarà la possibilità di avere dati neuroscientifici comparabili provenienti dai due centri di ricerca presenti in due aree distinte del territorio nazionale. Ma perché le emozioni giocano un ruolo importante nella scelta dei consumatori?

«Il momento decisionale è dettato dalle emozioni – spiega il prof. Giuseppe Licitra, presidente del CoRFiLaC- in quanto le decisioni sono prese solo in minima parte dalla componente razionale del cervello così come le neuroscienze ci insegnano. E per far comprendere ai consumatori il valore dei formaggi storici, che racchiudono all’interno grandi uomini e la storia di una vera e propria civiltà contadina, risultano fondamentali gli studi di neuromarketing. Da qui l’accordo di collaborazione scientifica che il CoRFiLaC ha stretto con l’Università IULM e la scelta di ospitare, nel nostro centro di ricerca, il BrainLab la cui inaugurazione avrà luogo il 14 maggio di mattina».

Il CoRFiLaC e l’universo delle emozioni 

Tra i relatori del convegno del 14 maggio vi sarà il prof. Vincenzo Russo, Coordinatore del Behaviour and Brain Lab della IULM che si soffermerà sulla Neuroscienza applicata al Neuromarketing ed illustrerà il Master in Neuromarketing, Consumer Neuroscience e Market Research con consegna degli attestati ai corsisti, ed il prof. Giuseppe Licitra  con cui si rifletterà sulla memoria storica della civiltà contadina, una risorsa socioculturale eco-sostenibile che la globalizzazione ha provato a cancellare, e quali opportunità la scienza potrà riservare ai Millennials. Ed è proprio per i produttori e soprattutto per i giovani che hanno deciso di lavorare nel contesto rurale che si aprono ora nuove ed importanti opportunità.

«Se i giovani, i millennials, ci chiederanno come potranno affrontare i consumatori -aggiunge il presidente del CoRFiLaC-, potremo finalmente dare loro delle risposte perché le neuroscienze applicate al neuromarketing ci aiuteranno a cambiare l’approccio di chi ha deciso di fare questo lavoro, di continuare cioè a produrre formaggi nel rispetto delle tradizioni della civiltà contadina. Il Neuromarketing, dunque, potrà senza dubbio contribuire ad offrire delle opportunità lavorative e culturali per questi ragazzi».

Infine, particolare attenzione verrà riservata ad alcuni Stakeholder che prenderanno parte al convegno del 14 mattina, tra i quali il noto pasticcere Corrado Assenza, lo chef stellato Pino Cuttaia e Daniela Campisi di Gusto Gourmet Store di Siracusa.